26 Apr 2018

Come scegliere la giusta Web Agency per la tua azienda?

Come già detto in un nostro precedente articolo, la presenza online oggi come oggi risulta essere di fondamentale importanza per una società e/o freelancer. Per essere presenti online, bisogna partire col piede giusto ed affidarti ai professionisti del settore: non metteresti mai mano ad un quadro elettrico in cortocircuito, chiameresti un elettricista. Stessa cosa te la consiglio per il lato web della tua impresa.

Scegliere una web agency, al giorno d’oggi, risulta anche fin troppo semplice. Basta aprire Google ed utilizzare come chiave di ricerca “web agency” o “sviluppo siti web” per essere sommersi di risultati. Ma qual è la qualità dei risultati? Quale web agency è migliore di un’altra? Come sceglierne una che sappia far accrescere il tuo business?

Lasciamo perdere quei servizi tutto incluso a meno di 99 Euro che ritengo personalmente offensivi ed inquinanti per il mercato del web. La scelta di un’agenzia è una questione davvero delicata, che merita molta, moltissima attenzione. Spesso, sbagliando, ci si basa solo ed esclusivamente sul prezzo, come se fosse un metro di giudizio sufficiente a stabilire serietà e competenze. La tua presenza online è gestita da svariate figure ed operazioni da attuare.

Ma quali fattori devi tenere conto per la scelta della web agency? Vediamoli insieme.

#1 – Il sito internet

Uno dei primi fattori da tenere in considerazione è sicuramente il sito web dell’agenzia. Con sito web mal costruito e con una comunicazione debole o peggio, un sito web inesistente o un blog creato su un’estensione di secondo livello .wordpress, come pensate che si comporterà nei confronti del vostro progetto? Meglio lasciar perdere a priori. Il sito web dell’agenzia deve rispecchiare la professionalità dei suoi lavori.

#2 – Portfolio

Nota fondamentale, avere un portfolio lavori. Ho visto siti di web agency con due progetti in portfolio, o creati tutti con template WordPress acquistate o peggio, con nessuno. Come potresti affidarti ad un’agenzia senza referenze? Oltre al portfolio risulta sempre importantissimo, se non fondamentale, le menzioni dei suoi clienti, le recensioni, ma non solo quelle scritte sul portale dell’agenzia. Le più veritiere sono quelle rilasciate su Facebook. Sarebbe ottimale se, nel sito dell’agenzia, vi fosse un collegamento alla recensioni rilasciate dai loro cliente su Facebook, proprio come facciamo noi.

#3 – Come si comporta col vostro progetto?

Una nota molto importante è anche il comportamento della web agency rispetto al vostro progetto. Risulta essere superficiale? Non vi fa domande sui vostri obiettivi, non valuta attentamente le vostre richieste? Non vi fa un’analisi preliminare e parla un linguaggio a voi sconosciuto riempiendosi la bocca di paroloni per voi senza senso? Lasciatela perdere. Molto probabilmente sta cercando solo un modo per accalappiare il cliente e guadagnare.

Cercate sempre di parlare con chi, alla fine, vi svilupperà il progetto. Parlare con un commerciale, vi farà solo perdere tempo.

#4 – Tecnologie utilizzate

Che tecnologie ha in mente di utilizzare la web agency che avete contattato? Prima di chiederti il budget che vorresti stanziare per il progetto, mette subito le mani avanti dicendo che costruirà la piattaforma col CMS WordPress? Ti ha parlato del responsive del tuo sito? Ti ha offerto un ventaglio di possibilità in base al budget in tuo possesso, o ti ha dato una sola strada percorribile?

Una web agency seria, prima di dirti con che sistema creerà il sito, ti chiederà sempre se si ha un budget massimo per la progettazione. In questo modo si va incontro al cliente ed alle sue esigenze. Se il budget è minimale, bisogna orientarsi su CMS Preimpostati mentre, diversamente, si potrebbe creare un sito ad hoc.

#5 – Pone al centro il tuo obiettivo?

I tuoi obiettivi sono importanti, se non fondamentali. Se non è l’agenzia stessa a trattare per prima questa tematica, si sta di certo sbagliando qualcosa. La web agency deve sempre capire qual è l’obiettivo del cliente: avere più clienti? Avere più visite? Fasi notare sul web? Vendere? Farsi conoscere? Il progetto cambia in base agli obiettivi che uno vuole raggiungere.

#6 – Costo del progetto

Il costo è uno dei fattori più importanti e valutati per i progetti sul web. Una volta stilato il preventivo, la fatidica ultima pagina contenente il prezzo della progettazione, è la prima che solitamente legge il cliente (erroneamente). Ogni web agency ha un suo prezzo.

Non c’è una regola assoluta da rispettare o un regolamento del listino delle web agency, anche se il buon vecchio detto “tanto paghi, tanto avrai” non poteva calzare meglio come in questo caso. Ponete molta attenzione in questo step. È vero, magari una persona che vi fa un sito a 500 Euro in giro ci sarà, ma quanto varrà realmente? Se l’investimento non genererà alcun ritorno o valore, saranno comunque “soldi buttati”. Il web oramai è saturo di portali, società e freelancer che “creano siti” per una manciata di euro. Ma una volta creato, pensate funzioni bene?

Il 98% delle persone che fa creare il proprio portale a basso costo da un freelancer o piccola agenzia, dopo pochi mesi, è costretta a reinvestire e fare un restyling di tutto. Perché? Semplicemente perché non funziona. La creazione di un sito web non è semplice e non basta un sito per avere clienti e raggiungere i vostri obiettivi. Dietro al sito c’è un’attenta ottimizzazione SEO da effettuare e soprattutto, una volta terminato, bisogna sempre attuare campagne marketing perché quest’ultimo cresca e frutti risultati.

Chiedete sempre dati oggettivi sul ritorno degli investimenti. Confrontati secondi i vostri dati ed analizzate sempre il ritorno ed i contatti ricevuti in conversion. Un investimento sbagliato può risultare fatale, ma uno giusto, può portare al raggiungimento di determinati risultati, e ciò non ha prezzo!

APPUNTAMENTO A MARTEDÌ, CON UN ALTRO ARTICOLO DI APPROFONDIMENTO!

I dati dei portali eCommerce in Italia nel 2017

Vuoi rimanere aggiornato con le nostre ultime novità? Iscriviti alla nostra newsletter.

Share this
18 Gen 2017

Come ottenere visite e clienti tramite Google AdWords [Parte 1]

Sicuramente avrete sentito parlare in più occasioni della piattaforma pubblicitaria Google più chiacchierata e discussa: Google AdWords, il leader del Pay Per Click (PPC). È nello specifico, uno strumento di promozione del proprio sito web attraverso un posizionamento non organico, per cui a pagamento.

Nello specifico, ciò che si andrà a pubblicizzare tramite l’utilizzo di questo strumento si ritroverà sugli spazi predisposti da Google nella pagina dei risultati di ricerca (SERP) che gli utenti ottengono dopo aver cercato qualcosa di specifico sul motore di ricerca stesso.

cosa-e-google-adwords

Questo sistema è tra i più utilizzati dalle Web Agency come la nostra. Per ottenere il massimo risultato da un sito web, oltre all’ottimizzazione SEO, la quale prevede l’ottimizzazione del codice del sito, l’utilizzo di parole chiave all’interno di tag <meta> oltre ovviamente ad un content marketing eccellente e qualitativamente alto (che vedremo comunque in un articolo successivo), bisogna pensare anche alla SEM. La SEM sono tutte quelle pratiche da effettuare per pubblicizzare il sito su più canali possibili (eMail Marketing, Facebook Marketing, campagne Google AdWords,…).

Noi ora, vedremo principalmente con questa serie di articoli e pillole, la creazione di campagne o comunque un’infarinatura completa, di questo validissimo strumento marketing.

Come già detto, Google Adwords è la piattaforma più utilizzata (e performante) da chi fa Web Marketing e, ti dico subito, che non si tratta affatto di uno strumento semplice da utilizzare. Se vuoi fare tutto da solo, rischi soltanto di spendere il tuo budget inutilmente, sei sempre libero di farlo ma, nei miei articoli, ti do sempre una guida sul come si utilizza un sistema e su come partire con esso. Poi sta a te, decidere se studiarti in modo approfondito l’argomento o delegare a persone e/o Web Agency competenti come la nostra, lo sviluppo lato marketing.

I 3 elementi essenziali di una campagna AdWords

Per creare una campagna con Google Adwords bisogna conoscere assolutamente 3 elementi:

  1. Keywords (o parola chiave);
  2. PPC (Pay Per Click);
  3. Coerenza.

Per far funzionare bene la tua campagna, devi stabilire delle parole chiavi efficaci, poco competitive e coerenti con il tuo prodotto o servizio.

Vi sono due tipologie di campagna effettuabili con la piattaforma:

  • Rete di ricerca: Luca (nome puramente casuale di un fantomatico utente) ha bisogno di una caldaia nuova. Va su Google e scrive “caldaie“. I primi 3 risultati sono quelli pubblicizzati con Google AdWords e quelli, sono settati come “Rete di ricerca“.

rete-display-1

  • Rete display: Il giorno dopo, Luca naviga sul web e, mentre legge una notizia sul Corriere della Sera, alla sua destra, vede la pubblicità di una nuova caldaia, proprio quello che aveva cercato il giorno precedente tramite la ricerca di Google.

esempio-display

Quale scegliere? La differenza non è di poco conto e, la scelta, dovrà essere determinata dal target e, soprattutto, dal budget che si ha a disposizione.

Con AdWords intercettiamo una domanda consapevole ed un’intenzione all’acquisto specifica mentre, con Facebook Ads, intercettiamo una domanda latente, come già discusso in questa guida.

[CONTINUA NEL PROSSIMO ARTICOLO…]


Vuoi essere contattato per ricevere maggiori informazioni? Lascia la tua mail!

Share this

© 2011-2018 Niro Informatica | All Rights Reserved

siti-famosi-fatti-con-wordpress-niro-informatica

Siti famosi e d’importanza mondiale sviluppati con WordPress

Chi non conosce Wordpress? Il sistema di gestione dei contenuti più utilizzato al mondo che ha aiutato lo sviluppo di oltre il 30% [..] Continua a leggere