22 Dic 2016

    Le 5 attività commerciali più redditizie

    Con la crisi che attanaglia il mondo del lavoro, sempre più persone ultimamente cercano di mettersi in proprio per poter avviare attività commerciali redditizie. Di solito ci si lascia guidare dall’istinto, dalle proprie inclinazioni naturali, dagli hobby o, più semplicemente, dal percorso di studi seguito negli anni.

    Di seguito abbiamo stilato un elenco delle attività commerciali più redditizie da poter sviluppare da soli o costituendo una società.

    Wedding Planner

    La figura del Wedding Planner sta diventando sempre più popolare e di moda. Moltissime sono le coppie che si accingono al matrimonio senza avere alla fine, né tempo né voglia e né le competenze per organizzare tutto. In questo corre d’aiuto il wedding planner, ruolo non solo femminile, come molti potrebbero pensare, anzi sempre più uomini vogliono diventare wedding planner. E’ comunque necessaria la propensione per l’organizzazione di eventi dal momento che il wedding planner si occuperà proprio di organizzare il matrimonio in tutto e per tutto. Dalla Chiesa nel quale si celebrerà, alla macchina utilizzata, dalle portate del ristorante per il rinfresco, allo stile e la disposizione dei vari addobbi.

    E’ chiaro quindi che tale figura deve essere dotata di molta pazienza, cortesia e disponibilità, anche quando i clienti sono impazienti, arroganti ed ansiosi (bisogna sopportarli man mano che si avvicineranno ad uno dei giorni più importanti della loro vita).

    planner

    Ma, cosa bisogna fare per diventare dei Wedding Planner? Se interessati a diventarlo basterebbe seguire un corso di formazione ad hoc, magari svolto da un wedding planner professionista. Per quanto riguarda il guadagno, l’organizzazione di un matrimonio può costare anche € 5.000 + IVA. Di conseguenza con diversi matrimoni da organizzare in un anno, l’attività di wedding planner risulta essere decisamente redditizia.

    Agricoltore Biologico

    Nella società moderna, con l’obesità e malattie alimentari che dilagano, le persone iniziano a puntare più sulla qualità del cibo che sul risparmio. Difatti, i prodotti bio stanno spopolando giorno dopo giorno, grazie ad un’altissima richiesta di mercato. Cibo biologico vuol dire cibo sano, ossia prodotto secondo natura, senza l’utilizzo di sostanze chimiche o OGM. Ovviamente non si può diventare agricoltore dall’oggi al domani, chi lo fa, deve avere una propensione e/o passione per l’agricoltura e dovrà soprattutto avvalersi di un terreno agricolo e di macchinari specializzati nella produzione agricola.

    p1030390

    L’agricoltore Biologico è più un lavoro per un settore di nicchia, ossia colpisce e si avranno come clienti solo ed esclusivamente persone che vogliono mangiare sano e cambiare o proseguire la propria alimentazione. I primi guadagni importanti facendo questo mestiere, si otterranno quando, una volta che ci si è fatti conoscere, si instaurano rapporti commerciali con degli store di medie o grandi dimensioni.

    eCommerce

    L’utente medio è stanco di andare in giro per la città a reperire i prodotti o cercare quello più conveniente. La creazione degli eCommerce, hanno reso la vita semplicissima a molte persone. Con un semplice click è possibile acquistare prodotti seduti comodamente a casa propria e farseli portare a destinazione. Rispetto ad un negozio tradizionale, l’e-commerce necessita di un costo di avviamento decisamente minore. Inoltre rappresenta una vetrina sul mondo. Non si raggiungono soltanto i clienti della città in cui si ha aperto ma clienti in tutto lo Stato, se non il mondo. Il bacino d’utenza è quindi ovviamente migliore e più ampio.

    ecommerce1

    Ovviamente per avere successo non basta farsi creare un eCommerce ma bisogna seguirlo, curarlo, indicizzarlo sui vari motori di ricerca ed eseguire tutte quelle prassi utili a farsi conoscere online. Con le giuste strategie di marketing ed un attenta cura del cliente, mediante un servizio mirato di customer care, è possibile ottenere buoni guadagni.

    Youtuber

    Stanno andando sempre più di moda i Youtubers. Ma che cos’è uno Youtuber? Tecnicamente è una persona che, tramite l’utilizzo della piattaforma Youtube, parla col suo pubblico per spiegare come si fanno determinate cose. Ne sono un esempio i tutorials di maglia e cucito, quelli di make up, quelli riguardanti l’acconciatura dei capelli. Ma spopolano sempre più i tutorials riferiti al cibo, alle modalità di cottura dei cibi e ricette. Ultimamente stanno spopolando sulla piattaforma sempre più Gamer (giocatori di videogiochi online). Che intrattengono il loro pubblico giocando al loro videogioco preferito e facendo divertire i fan.

    maxresdefault

    Ci sono poi youtubers, come Frank Matano, diventati famosi per le gag divertenti caricate sul portale. Uno Youtuber riesce praticamente a guadagnare in base alle visite che fanno i suoi video, contratti stipulati con partner e sponsor, banner e pubblicità durante la registrazione, ecc… Non è un lavoro per tutti, bisogna conoscere la tecnologia anche perché, montare un video, prima di metterlo disponibile online su Youtube, non è cosa semplice.

    Ditta delle pulizie

    Aprire una ditta di pulizia non è né difficile e nemmeno troppo dispendiosa. E’ comunque richiesta, ovviamente, la partita IVA e l’iscrizione al Registro delle Imprese. Ai tempi d’oggi le norme in materia di igiene e pulizia sono sempre più serrate. Nelle scuole, negli ospedali, nei luoghi pubblici in generale lo stato di igiene è attentamente curato. Non sono richieste competenze particolari o determinati titoli di studio. In questo settore tira moltissimo il passaparola. Più il lavoro viene fatto bene, più clientela avrà una ditta.

    temizlik

    Si può anche decidere di espandere il proprio ambito lavorativo non solo puntando sull’igiene ma anche alla disinfestazione e derattizzazione dei luoghi pubblici e delle case private. Se fatta con buonsenso, una ditta di pulizie può essere molto redditizia nel giro di pochissimo tempo.

    Share this
    05 Dic 2016

    Piero Pelù: “Matita cancellabile”. Vera ignoranza o marketing geniale?

    La matita che ho usato per votare era cancellabile. Dopo aver provato su un foglio e averlo constatato ho denunciato la cosa al presidente del mio seggio“. Così Piero Pelù, noto cantante toscano scrive sulla sua pagina Facebook del quale vi riporto qui sotto l’allegato:

    Senza scendere ora nei particolari, ve la do io la risposta a tutte queste domande, risposta che avreste comunque facilmente reperito in Internet con una piccolissima ricerca ma che invece ha scatenato il BOOM di polemiche. La matita normale ha al suo interno una mina composta unicamente da grafite. Le matite usate per il voto, dette anche copiative, hanno al suo interno anche anche un colorante solubile in acqua (blu di metilene o violetto di metile) ed un collante (gomma adragante).

    Le matite copiative risultano però essere indelebili solamente sulla scheda elettorale realizzate con una particolare filigrana e composizione chimica che ne impediscono la cancellazione in quanto la normale gomma cancellerebbe solamente la grafite lasciando intatta la parte dei coloranti!

    Ecco svelato il mistero. Noto però come, con grande astuzia, il nostro Pelù abbia taggato nel post il suo nuovo album “#Eutòpia“. La domanda ora è: non sapeva veramente della storia della composizione della matita o è stato un geniale modo di cavalcare la cresta dell’onda e farsi della pubblicità gratuita? Questo, è il vero marketing.

    Share this
    21 Feb 2016

    Italia tra ultimi paesi Ue per esperti informatica

    Secondo un indagine dell’Eurostat, l’Italia è tra gli ultimi in Ue per lavoratori esperti in informatica e Ict. a fronte di una media Ue del 3,7 per cento, in Italia solo il 2,5 per cento dei lavoratori è occupato in questo settore. Peggio fanno solo Grecia (1,3%), Lituania (1,9%), Bulgaria (1,9%), Lettonia (2%), Cipro (2,4%). Prima in classifica la Finlandia (6,7%), seguita da Svezia (6%), Lussemburgo (5,1%), Estonia (5%) e Paesi Bassi (5%).

    I circa 558.500 esperti italiani in maggioranza sono uomini (86,3%), ma è una situazione diffusa in Ue visto che la media è di 81,9%. Italiani in fondo alla classifica anche per percentuale di laureati in queste materie: solo il 31,7% ha studiato informatica, contro una media Ue del 56,5%. Pochi i giovani: gli under 35 sono appena il 27%, la media Ue è di 37,1%.

    Molte le imprese in Europa con posti di lavoro a disposizione nel settore delle tecnologie dell’informazione: il 38% in Ue con picchi del 59% in Lussemburgo e Repubblica Ceca. Pochi i posti vacanti in Italia (31%) dove nemmeno i più giovani sembrano puntare sul settore per contrastare la disoccupazione.

    Share this
    23 Gen 2015

    Record per gli eCommerce in Italia

    Moltissimi danno il sistema di eCommerce in crisi, ma come tutte le cose, i dati dimostrano il contrario! Il Natale 2015 ha fatto registrare numeri record per chi investe nell’ecommerce. La vendita di prodotti online è quello che ha resistito di più alla crisi che ha colpito (e sta colpendo) l’Italia in questo momento.

    Secondo Roberto Liscia, presidente di Netcomm, consorzio di aziende che vendono online, «Le vendite sono state le migliori di sempre, superiori alle aspettative, avevamo stimato acquisti tramite commercio elettronico per 2,5 miliardi di euro. Abbiamo invece raggiunto i 3 miliardi, con un aumento su base annua del 28%». Lo scorso anno il periodo natalizio aveva regalato un +21% dopo il +14% del 2012. E così, le persone che si sono affidate al canale online per fare i propri regali durante le festività è salito oltre quota 10 milioni.

    I benefici hanno riguardato diversi comparti, dall’hi-tech, ai viaggi, ai libri. Viaggi e trasporti, ma anche abbigliamento e informatica l’hanno fatta da padrone durante un periodo di vendita che tradizionalmente comprende i mesi di novembre e dicembre. Secondo gli esperti la parola chiave è maturità. L’utente italiano sembra essere più maturo, apprezza ed inizia ad avere fiducia negli acquisti online.

    In sostanza se volete investire in un’attività di vendita online come l’ecommerce, è il momento giusto. Il web è ormai diventato un punto di riferimento per gli italiani. Volete realizzare un ecommerce professionale? Scoprite le nostre offerte…

    Share this

© 2011-2018 Niro Informatica | All Rights Reserved